Bando prevenzione danni fauna Regione Emilia Romagna

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI ACCESSO AI CONTRIBUTI, IN REGIME DE MINIMIS PER L’ACQUISTO DI PRESIDI PER LA PREVENZIONE DEI DANNI DA FAUNA SELVATICA – ANNO 2017

La Regione Emilia-Romagna concede contributi agli imprenditori agricoli per prevenire danni alle produzioni agricole arrecati dalla fauna selvatica appartenente a specie protette, o da specie il cui prelievo venatorio sia vietato, anche temporaneamente, per ragioni di pubblico interesse, su tutto il territorio regionale e da specie cacciabili nelle Oasi di protezione, nelle Zone di Ripopolamento e cattura, nelle zone di Rifugio, nei Parchi e nelle Riserve regionali e nelle aree contigue ai Parchi precluse all’esercizio venatorio.

La spesa massima ammissibile per ogni singola impresa a copertura dell’acquisto dei presidi di prevenzione è di euro 2.500 mentre la spesa minima è definita in euro 300.

L’aiuto finanziario sarà concesso sotto forma di contributi in conto capitale e la relativa intensità è fissata nel 100% calcolato sul totale della spesa ammissibile, fatto salvo il rispetto dei limiti stabiliti dai Regg. (UE) n. 1408/2013 e n. 717/2014.

Non sono ammesse a contributo le spese di messa in opera e l’IVA.

Scarica il  Bando de minimis_2017

Galle della Quercia

Molti di voi sicuramente si sono chiesti cosa siano quelle strane escrescenze attaccate alle foglie o sui rami delle querce, ebbene si tratta di galle causate da insetti. Le galle hanno la funzione di proteggere le larve degli insetti in via di sviluppo e la nutrono fino alla sua trasformazione.

Salamandra salamandra

Passeggiando nei boschi nelle giornate di pioggia è possibile imbattersi nella bellezza di questi anfibi. La loro sopravvivenza è strettamente legata a corsi  d’acqua incontaminati dove depositano le loro piccole larve.

Salamandra pezzata ( Salamandra salamandra )

 

Ultimo atto d’amore

L’accoppiamento, ( Argynnis paphia ) prima della conclusione del loro breve ciclo di vita, di due farfalle.

L’occhio di Sauron

Un Raggio di sole cerca  disperatamente di farsi largo in mezzo alle nuvole che precedono una tempesta. Finalmente cade la pioggia dopo una torrida estate….. Vista da Barbamozza (Parco regionale dei laghi di Suviana e Brasimone )  verso il Castelluccio.

Tappa in Assemblea legislativa regionale per Sua Santità Bartolomeo I, Arcivescovo di Costantinopoli e Patriarca Ecumenico

Su invito del Presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna, il Presidente Sandro Ceccoli ha partecipato all’iniziativa in rappresentanza del nostro Ente. Di seguito pubblichiamo il messaggio di benvenuto da parte del Presidente Simonetta Saliera:

Tappa in Assemblea legislativa regionale per

Sua Santità Bartolomeo I, Arcivescovo di Costantinopoli e Patriarca Ecumenico.

Il 13 settembre proprio nei locali del Parlamento di viale Aldo Moro ha tenuto la lectio magistralis

Salvaguardia dell’ambiente e salvaguardia della vita”.

La lezione, è stata dedicata a temi di stretta attualità, come la salvaguardia dell’ambiente e la lotta alla fame. Un’iniziativa realizzata grazie alla collaborazione tra l’Assemblea legislativa regionale e la curia di Bologna guidata da monsignor Matteo Maria Zuppi.

Ambiente e vita
Lectio Magistralis di Sua Santità
Bartolomeo I
Arcivescovo di Costantinopoli e Patriarca Ecumenico
Saluto di Simonetta Saliera
Presidente Assemblea legislativa
Regione Emilia-Romagna

 

Buon pomeriggio,

Ringrazio le autorità civili, religiose e militari. I cittadini, i colleghi consiglieri regionali e quanti altri hanno accolto l’invito dell’Assemblea legislativa regionale e della Curia di Bologna ad essere qui, oggi, per la Lectio Magistralis di Sua Santità Bartolomeo I, Arcivescovo di Costantinopoli e Patriarca Ecumenico, la cui presenza è per tutti noi motivo di gioia.

In questa occasione non possiamo non ricordare la morte del Cardinale Carlo Caffarra, nostro Arcivescovo emerito, il quale invitò per la prima volta Sua Santità Bartolomeo I ad una visita all’Arcidiocesi di Bologna nel 2005.

Un grazie particolare va a Sua Eccellenza Monsignor Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna, che ha scelto l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna come interlocutrice per l’evento odierno.

Si tratta, nel rispetto reciproco dei ruoli, di condividere le affermazioni contenute nell’appello congiunto di Papa Francesco e del Patriarca Ecumenico Bartolomeo I in merito alla salvaguardia del creato.

Anche noi siamo convinti che una seria politica locale debba e possa fare molto di più in riferimento alle contraddizioni create nell’intero mondo da uno sviluppo senza etica, né morale.

Vuole essere un momento di riflessione sui grandi temi ambientali del presente per rinnovare in noi la consapevolezza che il mondo non è una nostra proprietà che lasciamo in eredità ai nostri figli, ma è un bene che abbiamo in prestito da loro, cioè dalla generazione Z come vengono definiti dal professor Segrè.

La cura dell’ambiente, uno sviluppo ecosostenibile, l’essere consci che le risorse non sono infinite e che ogni danno che facciamo al nostro pianeta lo facciamo a tutti noi, sono valori che dobbiamo fare sempre più nostri.

A tal proposito potremmo citare le affermazioni del popolo Indio Guaranì che durante le sue continue migrazioni verso la “Terra senza il male” ripetevano che la Terra era esausta e sospirava: “Sono stipata dei cadaveri che ho divorato. Lasciatemi riposare Padre. Anche le acque implorano riposo, anche gli alberi e gli animali”.

A 47 anni dalla Conferenza di Stoccolma, la prima volta pubblica in cui si pose il tema dell’emergenza dell’inquinamento e della necessità di affrontare il problema della tutela dell’ambiente, abbiamo un bilancio fatto di luci e ombre.

Sicuramente dai fermenti degli anni 70, passando per la presa di coscienza degli anni 80-90, si è formata una cultura di attenzione all’ambiente, di studio e di preoccupazione sui disastri, forse irreparabili, che uno sviluppo industriale senza regole e iniquo ha prodotto.

In seguito, da Kyoto a Parigi, ci sono stati accordi internazionali per porre un limite all’uso di inquinanti e allo spreco di risorse.

E’ preoccupante che oggi una nazione come gli Stati Uniti disconosca quegli accordi.

Lungo tutto il ‘900 la produzione industriale è cresciuta oltre 50 volte rispetto agli ultimi decenni dell’800, l’80% di questa crescita è avvenuta a partire dal 1950.

Nell’ultimo mezzo secolo del ‘900, dunque, l’economia è cresciuta a discapito dell’ambiente: c’è stato un abuso delle risorse naturali che è andato molto oltre il limite consentito dal ritmo biologico della loro ricostruzione, con una curva di crescita esponenziale del loro depauperamento che per la prima volta nella storia ha messo in discussione la stessa sopravvivenza della vita umana.

Abbiamo, in sintesi, sottratto alla natura molto di più di ciò che la natura può produrre e quindi donarci.

Basta solo pensare agli eventi atmosferici degli ultimi giorni: l’uragano Irma in America e la tragedia che ha colpito Livorno.

Di positivo c’è che, senza cadere nella retorica del catastrofismo, stiamo vivendo una presa di coscienza della drammaticità del problema.

Una cosa deve essere chiara: una società ecologicamente sostenibile non è una società che rinuncia alla crescita, ma una società che lo fa con intelligenza e rispetto dell’ambiente.

Curare la natura è crescita economica.

Farsi carico dei disastri che si sono prodotti è crescita sociale.

In questo quadro, voglio pensare, che iniziative come quelle di oggi siano un contributo culturale e operativo a sferzare tutti noi a proseguire e fare meglio su questa strada.

E a non chiudere gli occhi su quella che è la nuova frontiera: la cura e l’alleanza tra uomo e terra in nome della vita, il contrastare le diseguaglianze sociali che fanno sì che una piccola minoranza di persone controlli e “consumi” la maggioranza dei beni ambientali.

Lo sviluppo senza regole, e i conseguenti cambiamenti climatici, provocano esagerate ricchezze per alcuni e forte diseguaglianza per i molti, con povertà fame e malattie.

I cambiamenti climatici che già ora avvertiamo, hanno dato origine a rinnovate migrazioni di intere popolazioni da territori divenuti invivibili alla ricerca della propria sopravvivenza.

Per concludere vorrei ricordare a tutti, senza demagogia, che finché il gatto di casa nostra ha più coccole e mangia di più e meglio di tanti bambini del terzo mondo, vivremo in un pianeta ingiusto, violento e senza pace.

Ed infine nel ringraziare Sua Santità Bartolomeo I, Arcivescovo di Costantinopoli e Patriarca Ecumenico, desidero consegnargli il dono dell’Assemblea legislativa regionale che consiste in un piccolo mosaico ravennate, composto dal professor Tinarelli dell’Accademia di Ravenna che rappresenta il segno dell’amicizia e della pace, l’incontro tra Oriente ed Occidente  e l’onore dell’acquisizione di un nostro gradito Concittadino dell’Emilia-Romagna.

 

 

Regolamentazione della circolazione stradale sulla via Casaglia Marzabotto

 ATTENZIONE!

Tratto di Via Casaglia dalla località Caprara di Sopra sino alla Chiesa di Casaglia

CHIUSO

(eccetto residenti)
dal 11/09/2017 sino a termine lavori (60 gg)

 

  Ordinanza n. 122/2017

Speleomantes italicus

    Il geotritone italiano (Speleomantes italicusè un piccolo anfibio urodelo.

Esce dal suo nascondiglio solamente di nottedi giorno solo in occasione di piogge.

Salamandra pezzata

Finalmente con l’arrivo della pioggia le salamandre  ( Salamandra salamandra ) sono uscite dai loro nascondigli. Solitamente questo anfibio muove i propri passi durante la notte….. ma quando piove lo si può ammirare anche di giorno.

Parco regionale del Corno alle Scale

162° Festa Madonna della Cintura al Farneto

9/10 e 14/15/16/17 settembre 2017
35^ sagra paesana

Parrocchia di San Lorenzo del Farneto

via Jussi 131, San Lazzaro di Savena

Spettacoli ed eventi religiosi

Laboratori per bambini a cura delle GEV Guardie Ecologiche Volontarie

Volantino laboratori