Pubblicati da Daria Victorini

Essiccare le castagne

Il fumo dell’essiccatoio. Le castagne erano una risorsa fondamentale in passato, una fonte di cibo indispensabile alle zone di montagna dove altri tipi di coltura erano più difficili. Ancora oggi, in autunno, vengono essiccate con fuoco di legna… come un tempo, e non è detto che in futuro non tornino ad essere una risorsa chiave per […]

Lo scarabeo stercorarius

Quando si dice che la natura non produce rifiuti… il “geotrupes stercorarius” si nutre dello sterco degli erbivori ed è un paziente e metodico ripulitore di pascoli e cespugli. Un piccolo anello dell’immensa catena biologica del sistema “bosco”.

Un lungo autunno

La Lycaena phlaeas è una farfalla diffusa in tutto il mondo, ma di solito sparisce a settembre per riapparire ad aprile, e invece… eccola qui, in questo autunno che non finisce mai. Il clima sta decisamente cambiando.

Gli alberi e il monte

Faggi, querce e antichi castagni si tingono di rosso e giallo in sensibile ritardo rispetto a quanto accadeva anche solo pochi anni fa, ma il riscaldamento globale si fa sentire. Sullo sfondo il monte Calvi, con le classiche formazioni stratificate di roccia sedimentaria. Una volta da queste lastre si ricavava il necessario per la copertura […]

L’airone cenerino

C’è stato qualche spiraglio di sole e sono andata a cercarlo, (Ardea cinerea) uno dei volatili più grandi in circolazione da queste parti. Può raggiungere quasi il metro d’altezza e un metro e settanta di apertura alare. Se state attenti li potete vedere volare maestosi, spesso in coppia, sono facili da riconoscere…

Chloris chloris

Il verdone comune (chloris chloris), un uccellino molto diffuso in Italia. In questa stagiona si prepara per l’inverno, mangia principalmente semi, ma anche qualche verme e insetto quando capita.

Il fungo solitario…

Vediamo se qualcuno indovina che fungo è questo… PS: si tratta del Marasmius alliaceus e, come è facilmente intuibile dal nome, la sua caratteristica è l’odore di aglio che emana… è commestibile.

Stop

E poi la nebbia avvolge tutto, e tutto sembra fermarsi… e c’è silenzio e umido sulla pelle. Puoi sederti lì e guardare il bosco… e basta.

Tesori senza prezzo

A volte non ci rendiamo conto delle cose indicibilmente preziose di cui siamo custodi. Questo è un geotritone (speleomantes italicus) e a parte il musetto, che trovo dolcissimo, è un anfibio che vive solo in Italia, con qualche esemplare nei Pirenei francesi. Si aggira nelle grotte, esce solo con la pioggia (infatti sono fradicia e infreddolita), respira […]

Porciglione, antico e timido…

Mi sono distratta per un attimo dai cervi per cercare di immortalare questo soggetto schivo e molto bravo a mimetizzarsi. È il Rallus aquaticus, quasi un fossile vivente, i reperti più antichi di questa specie risalgono a oltre 5 milioni di anni fa. Comunque alla fine l’ho beccato… eccolo.

Il bramito

I cervi sono animali grandi e possenti, i loro richiami d’amore squarciano l’aria con violenza, difficile rimanere indifferenti e non percepire la forza primitiva di questo rituale. Allo stesso tempo sono schivi e sempre all’erta, per osservarli bisogna rimanere appostati per ore, immobili come pietre…

Al centro dell’harem

Si è conquistato il diritto di trasmettere la sua linea genetica, il maschio più forte troneggia al centro dell’harem di femmine con le quali si accoppierà. La stagione degli amori è in pieno svolgimento…

Fototrappola

Vediamo se qualche cervo viene a farci un show… le fototrappole sono un modo discreto e poco invasivo per riprendere quello che accade nel bosco, le piazzi e vengono attivate dalla presenza degli animali, possono fare foto o filmati.

Salamandra salamandra

Schiva e discreta, non è facile vederla, vive prevalentemente di notte in ambienti umidi. La sua presenza indica un ambiente di qualità, acque prive di inquinamento e ricche di larve e piccoli crostacei di cui le sue larve di nutriranno. Viene chiamata anche “pezzata” per la vivace colorazione che serve a dire a tutti “non mangiatemi […]

Fiori d’autunno

Il Colchico d’autunno (colchico autumnale) spicca nel sottobosco con il suo colore vivace e rimane fiorito fino ad ottobre. Nonostante l’aspetto grazioso e innocuo, è una pianta ricca di composti attivi (attenzione perché è tossica dato che contiene alcaloidi potenti) e utilizzata per scopi medicinali fin dalla notte dei tempi…