Mantide religiosa

Mantide ( Mantis religiosa )  in attesa di una preda.

Galle della Quercia

Molti di voi sicuramente si sono chiesti cosa siano quelle strane escrescenze attaccate alle foglie o sui rami delle querce, ebbene si tratta di galle causate da insetti. Le galle hanno la funzione di proteggere le larve degli insetti in via di sviluppo e la nutrono fino alla sua trasformazione.

Ultimo atto d’amore

L’accoppiamento, ( Argynnis paphia ) prima della conclusione del loro breve ciclo di vita, di due farfalle.

Ape legnaiola

Ape legnaiola


L’ape legnaiola  ( Xylocopea violacea ) adora nettare e polline.

Lucciole a Monteveglio

monteveglio


Parco regionale dell’Abbazia di Monteveglio

Morimus asper

Cerambice della quercia


La diffusione di questo insetto è in declino a causa della scomparsa del suo habbitat ideale.

Sonno delle farfalle

_farfalle


Passeggiando in un campo fiorito, quando ormai il sole era sceso, ho notato queste farfalle che vicine l’una all’altra si preparano ad affrontare la notte. Attratta dai loro movimenti ho voluto trovare il modo di trasferire l’emozione che ho provato in uno scatto.

Parco regionale dell’Abbazia di Monteveglio

Anemone alpino

Anemone alpino


Anemone alpino ( Pulsatilla alpina )  Parco Regionale del Corno alle Scale

 

Podalirio

Podalirio


Il Podalirio è (Iphiclides podalirius ) è una dele farfalle più grandi e vistose presenti nella nostra fauna.

Notonecta maculata

Notonecta maculata


Sfiorando una piccola pozza d’acqua mi sono accorta di un mondo a parte, pieno di strani abitanti.

In foto: Un Tritone faccia a faccia con una Notonecta maculata che ha una particolare abitudine  di nuotare capovolta ovvero con il ventre rivolto verso l’alto.

Parco regionale dei laghi di Suviana e Brasimone

Trappola mortale

ragnatela


La pioggia caduta in questi giorni risalta la mortale opera architettonica  di un ragno

Mantide religiosa

_dsc7610


Una mantide attende una preda nascosta nel verde. Dietro di lei il monte di Baigno baciato dal sole.

Apicoltore

apicoltore


Ho avuto l’immenso piacere di vedere il Sig. Moruzzi Carlo esperto apicoltore al lavoro su i propri alveari. Le api sono essenziali per la sopravvivenza dell’uomo ed è nostra responsabilità salvaguardare il loro ambiente naturale. I pesticidi, le monocolture e le drastiche modificazioni climatiche sono i loro potenziali nemici.

Magia delle notti di giugno

lucciole

La vita di questi luminosi insetti è in pericolo a causa del massiccio utilizzo di pesticidi.

La curiosità

bimba

L’essenza della conoscenza si cela nelle piccole curiosità.

 

IL GRILLO PARLANTE

grillo

Forse, è stata una scena come questa, a dare vita al famoso personaggio del grillo parlante nella celebre favola di Pinocchio

 

Aguzzate la vista

dia_mimetismi

Certo che come sanno mimetizzarsi certi insetti… vi prego di notare le tonalità di colore perfettamente abbinate.

Strane fioriture

dia_Mantide

In primavera non fioriscono solo le piante, ma la vita riparte e si presenta in migliaia di forme diverse… (una mantide nuova di zecca).

Lo scarabeo stercorarius

dia_Scarabeo

Quando si dice che la natura non produce rifiuti… il “geotrupes stercorarius” si nutre dello sterco degli erbivori ed è un paziente e metodico ripulitore di pascoli e cespugli. Un piccolo anello dell’immensa catena biologica del sistema “bosco”.

Un lungo autunno

dia_farfalla_Lycaena_phlaeas

La Lycaena phlaeas è una farfalla diffusa in tutto il mondo, ma di solito sparisce a settembre per riapparire ad aprile, e invece… eccola qui, in questo autunno che non finisce mai. Il clima sta decisamente cambiando.

Le ali di icaro

dia_Icarus_farfalla

A volte le cose che vedi qua fuori sono semplicemente perfette. Se poi pensate che la larva di questa farfalla (Polyommatus Icarus) viene spesso accudita dalle formiche, c’è davvero tanto di cui stupirsi.

Una tigre a 8 zampe

dia_ragno

Una femmina di ragno vespa (Argiope bruennichi) detto anche ragno tigre. Nonostante l’aspetto non è aggressivo ne pericoloso in caso di morso. Fa parte invece di quegli insetti la cui femmina tende a uccidere il maschio, molto più piccolo di lei, dopo l’accoppiamento.