IL DIARIO DEI PARCHI

Avventure dietro l’angolo di una fotografa naturalista

Calanco

Parco regionale dei Gessi Bolognesi e dei Calanchi dell’Abbadessa

Paura

La paura è un’emozione di difesa. Il bosco e i suoi abitanti spesso incarnano i nostri più comuni timori. Solo una conoscenza approfondita può aiutarci a comprendere le abitudini e comportamenti degli animali selvatici che raramente, contrariamente a quanto si pensa, rappresentano un pericolo reale per l’essere umano. Nella foto: Lupo appenninico – specie autoctona della nostra penisola. Spesso descritto molto più grande delle sue reali dimensioni. Un animale schivo che non costituisce alcun pericolo per le persone.

Tasso comune

Il risveglio della natura

Il bucaneve riaffiora timidamente da un suolo ancora intorpidito dal freddo invernale. Le api non si fanno sfuggire questo silenzioso risveglio. Così con un ronzio appena udibile ricomincia un nuovo ciclo di vita.

Parco regionale dei Gessi Bolognesi e dei Calanchi dell’Abbadessa

La faggeta d’inverno

Parco regionale del Corno alle Scale

Brasimone

Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone

Croce del Corno alle Scale

Parco regionale del Corno alle Scale

Madonna dell’Acero

Questo Acero Montano è inserito nella lista degli Alberi Monumentali d’Italia nella categoria degli esemplari ritenuti di eccezionale valore storico o monumentale.

Parco regionale del Corno alle Scale

Picchio muratore

Il freddo è da sempre nemico dei piccoli volatili. Aiutateli ad affrontare questo difficile periodo con piccole mangiatoie, cosi che oltre ad aiutarli, potrete anche osservarne la bellezza. Tra le specie che subito risponderanno ci sarà senza dubbio il picchio muratore.

Inverno capriccioso

 Sui nostri monti ancora niente neve, solo qualche gelata a ricordarci che siamo in pieno inverno.

Parco regionale dei laghi di Suviana e Brasimone

Il diario fotografico di

Daria Victorini

Sono scappata dagli studi di posa, da un mondo del quale non facevo più parte e ora mi aggiro tra i boschi e il cielo.

Non c’è dubbio, è qui che devo stare è a questa dimensione a cui appartengo. Magari sarà solo una fase della mia vita, magari sarà per sempre, ma ora voglio raccontare quanto sia ricco, meraviglioso, complesso e fragile quello che è rimasto della natura.

Il video

Categorie

Archivi