IL DIARIO DEI PARCHI

Avventure dietro l’angolo di una fotografa naturalista

Gli alberi e il monte

dia_BoscoRoccia_DSC3868

Faggi, querce e antichi castagni si tingono di rosso e giallo in sensibile ritardo rispetto a quanto accadeva anche solo pochi anni fa, ma il riscaldamento globale si fa sentire. Sullo sfondo il monte Calvi, con le classiche formazioni stratificate di roccia sedimentaria. Una volta da queste lastre si ricavava il necessario per la copertura dei tetti delle case di montagna.

Il bosco fa bene

dia_Autunno_sentiero

Dicono che passeggiare nel bosco faccia bene al sistema immunitario, non so, a me fa bene a cuore… non c’è dubbio.

Un’altro inverno

dia_CervaAutunnale

L’inverno sarà lungo amica mia, la stagione più dura e probabilmente hai anche un cucciolo nella pancia che cresce… buona fortuna.

Piccole cose

dia_funghetti_su_tronco

La vita non si ferma mai nel bosco, c’è sempre qualcosa che cresce, cambia, si trasforma… in ogni momento, in ogni stagione.

Autunno

dia_Autunno_1

Sì, direi proprio che ora ci siamo…

L’airone cenerino

dia_AironeCloseUp

C’è stato qualche spiraglio di sole e sono andata a cercarlo, (Ardea cinerea) uno dei volatili più grandi in circolazione da queste parti. Può raggiungere quasi il metro d’altezza e un metro e settanta di apertura alare. Se state attenti li potete vedere volare maestosi, spesso in coppia, sono facili da riconoscere…

Chloris chloris

dia_verdoni

Il verdone comune (chloris chloris), un uccellino molto diffuso in Italia. In questa stagiona si prepara per l’inverno, mangia principalmente semi, ma anche qualche verme e insetto quando capita.

Il fungo solitario…

dia_Fungo_Marasmius

Vediamo se qualcuno indovina che fungo è questo… PS: si tratta del Marasmius alliaceus e, come è facilmente intuibile dal nome, la sua caratteristica è l’odore di aglio che emana… è commestibile.

Fusone in fuga…

dia_fusone

Un giovane cervo in fuga da chissà cosa, velocissimo, eppure, se guardate l’occhio, probabilmente si è accorto di me…

Stop

dia_bosco_autunno

E poi la nebbia avvolge tutto, e tutto sembra fermarsi… e c’è silenzio e umido sulla pelle. Puoi sederti lì e guardare il bosco… e basta.

Il diario fotografico di

Daria Victorini

Sono scappata dagli studi di posa, da un mondo del quale non facevo più parte e ora mi aggiro tra i boschi e il cielo.

Non c’è dubbio, è qui che devo stare è a questa dimensione a cui appartengo. Magari sarà solo una fase della mia vita, magari sarà per sempre, ma ora voglio raccontare quanto sia ricco, meraviglioso, complesso e fragile quello che è rimasto della natura.

Il video

Categorie

Archivi