IL DIARIO DEI PARCHI

Avventure dietro l’angolo di una fotografa naturalista

Piccoli affamati

dia_pulli

Ve li ricordate i piccoli tirabusini? Sono tornata a trovarli, guardate come sono cresciuti bene e quanto è premuroso questo papà che si cava il pesce di bocca per nutrirli.

I calanchi

dia_calanchi

E da uno sbuffo di ginestre spuntano all’improvviso i calanchi, il confine tra la terra brulicante di vita e il continuo mutare del paesaggio, come le dune nel deserto, come le onde nel mare…

Siamo piccoli

dia_fulmine

E poi diventa tutto buio, e poi il cielo ti ricorda quanto sei piccola… da brividi e incredibilmente maestoso.

Sul sentiero dei troll

dia_muschio_troll

Avete presente i troll di Frozen? Ecco, oltre che in un film della Disney li potete trovare arrampicandovi verso il Corno alle Scale sul sentiero 121, fate piano che dormono…

I prati e le orchidee

dia_prato

Lo sapevate che qui fuori è pieno di orchidee? Le avete mai notate? Se ti prendi il tempo di osservare, il mondo ti sorprende sempre…

Mamma in allerta

dia_madre_figlia

Anche in un parco naturale fare la mamma significa tenere occhi aperti e orecchie tese… e il piccolo cervo sembra proprio Bamby

Spuntino serale

dia_Cervi_DSC8400-1024x680

A sera i cervi spuntano nei prati per mangiare, sono lontana ma mi hanno vista, intanto il sole tinge tutto di giallo e si prepara a sparire…

Le “fabbriche” dell’acqua

dia_cascata_torrente

Vorrei che sentiste il rumore, e l’umidità sulla pelle, il fresco e l’odore di muschio… ma una foto non basta, ovviamente.

Uccelli in pericolo…

dia_tirabusino_2

Eccolo qui, il tarabusino (Ixobrychus minutus) trova ancora asilo tra i nostri canneti, ma la specie è protetta e a rischio, gravemente minacciata dalle attività umane. Questo è un maschio che, fortunatamente, si è rifugiato nella nostra area umida di Manzolino-Tivoli per mettere su famiglia…

Chiamale emozioni…

dia_tirabusini_nutrimento

Coccolosamente spiumacchiotti… mi emoziono quando la vita trionfa…

Il diario fotografico di

Daria Victorini

Sono scappata dagli studi di posa, da un mondo del quale non facevo più parte e ora mi aggiro tra i boschi e il cielo.

Non c’è dubbio, è qui che devo stare è a questa dimensione a cui appartengo. Magari sarà solo una fase della mia vita, magari sarà per sempre, ma ora voglio raccontare quanto sia ricco, meraviglioso, complesso e fragile quello che è rimasto della natura.

Il video

Categorie

Archivi