IL DIARIO DEI PARCHI

Avventure dietro l’angolo di una fotografa naturalista

Neve come zucchero a velo

dia_ZuccheroVelo

In questo inverno atipico, l’ultimo spruzzo di neve si è posato come zucchero sui profili delle colline…

Un piccolo regolo

dia_Regulus

Uno degli uccelli più piccoli della famiglia dei passeri, il regolo (regulus regulus) facile da riconoscere per quel ciuffo giallo intenso che gli parte dalla fronte (gli inglesi lo chiamano cresta d’oro). Ama particolarmente i boschi di conifere e costruisce un grazioso nido a forma di palla.

Un anno nuovo di zecca…

dia_Volpe_Invernale

La volpe ha la pelliccia invernale già da un po’, ma di neve ne abbiamo vista poca. Ora ci sta provando a nevicare, ma senza grandi risultati… prendiamola come viene e partiamo assieme per un viaggio lungo questo 2016 nuovo di zecca, un augurio a tutti.

Riccio fuori stagione

dia_Riccio

E tu perché non sei in letargo? Certo la neve si è ormai sciolta e la temperatura non è quella dell’inverno… probabilmente sei confuso anche tu.

Ai margini del bosco

dia_daino_neve

A volte ti guardano con aria curiosa, senza paura, in qualche modo lo sanno che sono innocua…

Rosso e bianco

dia_RosaCanina

Piccole macchioline rosse in uno scenario tutto bianco, d’altra parte Natale si avvicina…

La bellezza a due passi da noi

A volte andiamo chissà dove per cercare fascino e bellezza nel paesaggio… forse dovremmo solo imparare a guardare quello che ci sta intorno.

Parco regionale dei laghi di Suviana e Brasimone

Guarda in su…

dia_Alberi_Guarda_insu

A volte è bello sentirsi piccola piccola, come protetta da questi giganti buoni… adoro il bosco con la neve.

Ora trovare il cibo è più difficile

dia_Daino_Sulla_Neve

In cerca di erba, la neve è ancora un velo sottile, ma già trovare il cibo diventa più complicato…

La prima neve…

dia_Brasimone_Neve_2015

Una perturbazione rapida che ha lasciato quasi subito neve e sole… questo era lo scenario al Brasimone questa mattina.

Il diario fotografico di

Daria Victorini

Sono scappata dagli studi di posa, da un mondo del quale non facevo più parte e ora mi aggiro tra i boschi e il cielo.

Non c’è dubbio, è qui che devo stare è a questa dimensione a cui appartengo. Magari sarà solo una fase della mia vita, magari sarà per sempre, ma ora voglio raccontare quanto sia ricco, meraviglioso, complesso e fragile quello che è rimasto della natura.

Il video

Categorie

Archivi