Misure specifiche di conservazione - Rete Natura 2000

Misura 323 del Piano regionale di Sviluppo Rurale

La gestione dei siti della Rete Natura 2000 avviene attraverso specifici strumenti individuati dalla normativa comunitaria: le Misure Specifiche di Conservazione e i Piani di Gestione dei siti.

Gli Enti gestori (Parchi e Province) sono dunque chiamati ad emanare e attuare tali strumenti e a tal fine la Regione Emilia-Romagna ha dato avvio, nell’ambito della Misura 323 “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale” del Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013, al processo per la realizzazione delle Misure Specifiche di Conservazione e dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000, predisponendo uno specifico bando per l’assegnazione delle risorse a favore di Parchi e Province. I Parchi della Provincia di Bologna hanno così ottenuto il finanziamento necessario per elaborare, in modo coordinato con la Provincia, le modalità di gestione di queste aree di elevato pregio ambientale, dalla cui efficacia dipenderà la nostra capacità di mantenere e migliorare il patrimonio naturale, tenendo conto delle esigenze economiche, sociali e culturali delle popolazioni direttamente interessate e contribuendo all’obiettivo generale di uno sviluppo sostenibile.

Il programma prevede un primo incontro di presentazione, durante il quale saranno illustrati a tutti i portatori d’interesse gli aspetti naturalistici ed ambientali generali, emersi dal quadro conoscitivo, dei cinque Siti Natura 2000 (Gessi Bolognesi, Monteveglio, Monte Sole, Laghi di Suviana e Brasimone, Corno alle Scale).

Le Misure Specifiche di Conservazione e i Piani di Gestione devono essere elaborati e valutati attraverso un processo di partecipazione che coinvolge non solo gli enti pubblici competenti per territorio o materia ma anche i singoli portatori d’interesse, pubblici o privati che siano.

Per agevolare questo processo ed eseguire specifici approfondimenti tematici sono state dedicate sezioni, di seguito riportate nel programma allegato, alle quali sono inviati i soggetti competenti.