Parco dei Laghi di Suviana e Brasimone
Condividi
Home » Natura e Territorio » Parco dei Laghi di Suviana di Brasimone » Area Protetta » Fauna

Gli uccelli dei boschi e dei cespuglieti

Nel territorio del parco, oltre alla maggior parte delle specie del basso e medio Appennino, sono presenti, soprattutto durante le migrazioni, anche uccelli tipici delle zone umide: cormorani, gabbiani comuni e reali, svassi maggiori e anatre come il germano reale trovano, infatti, soprattutto nel lago di Suviana, un luogo di alimentazione e sosta durante il superamento dell'Appennino; nel medesimo lago è facilmente osservabile, e probabilmente nidificante, il martin pescatore.

Altre specie osservabili intorno ai due bacini e lungo i principali corsi d'acqua sono la ballerina gialla (poco diffusa), la ballerina bianca (visibile invece anche nei centri abitati) e il merlo acquaiolo (abbastanza frequente soprattutto sulle sponde del Limentra).

Tra i rapaci, oltre a specie come gheppio, poiana, sparviero, e allocco, è da segnalare la nidificazione regolare del falco pecchiaiolo.
Come in altre zone dell'Appennino settentrionale l'aquila reale, per quanto non nidificante, è di comparsa più o meno regolare con individui immaturi.

Tra le specie di maggiore interesse spiccano codirosso, pigliamosche, picchio muratore, torcicollo, rampichino, picchio rosso maggiore e picchio verde, tutti localizzati nelle poche zone con castagneti maturi che offrono cavità per la nidificazione.

Particolarmente diffuse e numerose sono invece le specie legate ai boschi cedui, tra le quali spiccano il colombaccio, molto raro come nidificante in Emilia-Romagna, e la bigia grossa, segnalata sino agli inizi degli anni '90 (mancano tuttavia segnalazioni recenti). Molto abbondanti sono la tortora, soprattutto nei boschi giovani di querce, e il succiacapre, che durante la notte caccia insetti in volo su prati e cespuglieti radi.

L'espansione dei cespuglieti, in seguito all'abbandono di seminativi e pascoli, ha favorito specie tipiche di questi ambienti come zigolo nero, sterpazzola, sterpazzolina e, quando i cespuglieti si trasformano in boscaglie, prispolone, canapino e lù bianco. Nelle praterie rimaste, oltre alla comune allodola, sono presenti l'affine tottavilla e la quaglia, una specie difficile da osservare allo scoperto ma della quale è facile udire il monotono canto del maschio.

2024 © Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Emilia Orientale
Piazza XX Settembre, 1 - 40043 Marzabotto (BO)
Tel. 051 6701260-6254811 - Fax 051 6254521
E-mail protocollo@enteparchi.bo.it - PEC enteparchibo@cert.provincia.bo.it
P.IVA CF 03171551207
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF2KK4
Privacy | Dichiarazione di accessibilità