Riserva Naturale Contrafforte Pliocenico
Condividi
Home » Natura e Territorio » Riserva Naturale Contrafforte Pliocenico » Area Protetta » Storia e paesaggio

Badolo

Badolo (un tempo Badalo) è oggi un insieme di poche abitazioni sparse ai piedi della Rocca di Badolo (476 m), uno dei principali e più noti rilievi del Contrafforte Pliocenico, che è stata ed è tuttora una tradizionale palestra di arrampicata sportiva per gli appassionati bolognesi, grazie alla parete del versante nord, che sviluppa pressoché verticale per più dioltre 100 metri.

Nei pressi della cima, in un ripostiglio scavato nella roccia, furono rinvenute nel 1881 una quarantina di asce dell'età del Bronzo. La rocca, ricordata nel nome del rilievo, è citata tra i beni di Bologna in un documento del 1164 e fu in seguito proprietà della Mensa Vescovile e dei signori di Loiano, Monzuno e Panico. Venne quasi certamente smantellata, come altri castelli, a metà del '300, quando il territorio entrò definitivamente nell'orbita del comune bolognese.

La chiesa di San Michele Arcangelo a Badolo e l'oratorio della Madonna della Rocca, raggiungibile con un suggestivo sentiero, hanno sostituito nel dopoguerra i due precedenti edifici religiosi distrutti dai bombardamenti.

Badolo
Badolo
(foto di Archivio Ente Parchi e la Biodiversità - Emilia Orientale)
2024 © Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Emilia Orientale
Piazza XX Settembre, 1 - 40043 Marzabotto (BO)
Tel. 051 6701260-6254811 - Fax 051 6254521
E-mail protocollo@enteparchi.bo.it - PEC enteparchibo@cert.provincia.bo.it
P.IVA CF 03171551207
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF2KK4
Privacy | Dichiarazione di accessibilità